Vedi tutti
Loading...
Vedi tutti

Simon Yates vince la tappa 19 del Giro d’Italia. Bernal difende la Maglia Rosa

28/05/2021

Simon Yates (Team BikeExchange) ha vinto la tappa 19 del centoquattresimo Giro d'Italia, la Abbiategrasso - Alpe di Mera (Valsesia), di 166 km.

Simon Yates vince la tappa 19 del Giro d'Italia

Simon Yates ha conquistato la 19a tappa della Corsa Rosa imponendosi in solitaria sul traguardo di Alpe di Mera. L’inglese ha attaccato quando mancavano 6.5 km dalla fine mentre la Maglia Rosa Bernal ha preferito non rispondere direttamente ma seguire il ritmo dei compagni di squadra Castroviejo e Martinez. Nel finale Almeida ha allungato andando a conquistare il secondo posto, davanti alla Maglia Rosa Bernal che ha chiuso terzo, cedendo 34″ a Yates.

In classifica il colombiano del Team Ineos ha adesso un vantaggio di 2’29” su Caruso (oggi 4o al traguardo) e 2’49” su Simon Yates.  Domani ultimo arrivo in salita sull’Alpe Motta.

 

 

 

RISULTATO DI TAPPA

1 – Simon Yates (Team BikeExchange) – 166 km in 4h02’55”, media 41.002 km/h

2 – João Almeida (Deceuninck – Quick-Step) a 11”

3 – Egan Bernal (Ineos Grenadiers) a 28”

4 – Damiano Caruso (Bahrain Victorious) a 32″

5 – Aleksandr Vlasov (Astana – Premier Tech) s.t.

 

CLASSIFICA GENERALE

1 – Egan Bernal (Ineos Grenadiers)

2 – Damiano Caruso (Bahrain Victorious) a 2’29”

3 – Simon Yates (Team BikeExchange) a 2’49”

4 – Aleksandr Vlasov (Astana – Premier Tech) a 6’11”

5 – Hugh Carthy (EF Education – Nippo) a 7’10”

 

MAGLIE

 

Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel – Egan Bernal (Ineos Grenadiers)

Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo Zanetti – Peter Sagan (Bora – Hansgrohe)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Geoffrey Bouchard (AG2R Citroen Team)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Intimissimi Uomo – Egan Bernal (Ineos Grenadiers), indossata da Aleksandr Vlasov (Astana – Premier Tech)

I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. Una grafica con alcuni dei dati raccolti oggi è disponibile a questo link.

 

Simon Yates ha ottenuto la sua quarta vittoria di tappa al Giro d’Italia. La sua prima senza indossare la Maglia Rosa, dopo i tre successi nel 2018 al Gran Sasso, Osimo e Sappada.

Undicesima Maglia Rosa per Egan Bernal, tante quante i precedenti vincitori del Giro d’Italia Ivan Gotti, Damiano Cunego e Denis Menchov.

Simon Yates è attualmente terzo in classifica generale, proprio come il suo connazionale Tao Geoghegan Hart dopo la 19a tappa dello scorso anno. Geoghegan Hart ha poi vinto quel Giro all’ultima tappa.

 

Le dichiarazioni del vincitore di Tappa, Simon Yates

 

Il vincitore di tappa Simon Yates ha dichiarato: “Non ho rimpianti per come ho corso nella prima parte del Giro, ho avuto qualche problemino fisico ma per fortuna adesso è tutto risolto. La Maglia Rosa è lontana ma posso ancora lottare per il secondo posto nella generale.

Volevo veramente vincere una tappa perché amo questa corsa sin da quando la vedevo in tv da ragazzo. Sognavo di esserci anche io a battermi in tappe dure come questa. I tifosi italiani mi motivano sempre molto, voglio tornare e correre il Giro anche nei prossimi anni.”

 

La Maglia Rosa Egan Bernal ha dichiarato: “Per me la cosa più importante è indossare la Maglia Rosa a Milano. Quando sto bene mi piace attaccare ma adesso c’è un corridore più forte di me in salita, Simon Yates. Voglio conservare il vantaggio che ho guadagnato nella prima parte del Giro perché è il frutto del lavoro di tutta la squadra e non vorrei metterlo a rischio con un mio errore. Oggi ho fatto un passo avanti verso la vittoria finale. Era una tappa importante dopo quanto successo due giorni fa a Sega di Ala. Sono fiducioso pensando alla frazione di domani, ci saranno delle salite oltre i 2000 metri di altitudine. Vorrei arrivare alla crono finale con qualche energia extra“.

 

Il Giro d’Italia ha reso omaggio alle vittime della Funivia del Mottarone poco prima del passaggio della Corsa Rosa da Stresa. L’Amministratore Delegato di RCS Sport, Paolo Bellino, il Direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni, il Direttore del Giro-E, Roberto Salvador, insieme al Sindaco di Stresa, Marcella Severino hanno deposto una corona di fiori – alla partenza della Funivia Stresa Mottarone – per ricordare le persone decedute in questa tragedia.

 

Tappa 20, Verbania - Valle Spluga-Alpe Motta, 164 km

Tappone alpino con sconfinamento in Svizzera. Dopo la partenza entrati in Svizzera si affronta l’interminabile Passo di San Bernardino (24 km) con scollinamento oltre i 2000 m e dopo la discesa un altro passo over-2000: il Passo dello Spluga (Splügenpass). Discesa impegnativa (con alcune gallerie e alcune paravalanghe) fino a Campodolcino dove inizia la salita finale.

 

Ultimi km

Ultimi 7 km tutti in forte ascesa. Dopo Campodolcino la strada sale con una sequenza di tornanti e gallerie fino a Pianazzo dove si percorre la vecchia strada per Madesimo (carreggiata ristretta) con pendenze elevate. A Madesimo si trova l’unico tratto relativamente pianeggiante del percorso che negli ultimi chilometri riprende a salire con pendenze attorno al 10%. Rettilineo finale in leggera ascesa su asfalto.

 

COPERTURA TV

I palinsesti del Giro d’Italia sono disponibili a questo link.

 

#Giro

Seguici
sui social
# giro

Vuoi restare sempre aggiornato sul mondo del Giro d’Italia e delle altre corse di RCS Sport?

Iscriviti
alla newsletter del giro d'italia

top sponsor