Vedi tutti
Vedi tutti
Vincitore
Hall of Fame 2012

Eddy
Merckx

Eddy
Merckx

Belgio
Data di nascita
17/06/1945
Luogo di nascita
MEENSEL-KIEZEGEM
Inizio carriera
1965
Fine carriera
1978
Giri d'Italia
vinti
5
Partecipazioni
Giro
8
Tappe
vinte
25

I punteggi dei giudici

voto complessivo
salita
crono
volata
fondo
discesa

Valutazione media per voto complessivo:

46.2

Clicca su ogni caratteristica per scoprire i voti dei giudici

Pier
Bergonzi
47
Philippe
Brunel
46
Pier
Augusto Stagi
44
Hugo
Coorevits
46
Herbie
Sykes
48

Eddy Merckx, nome e cognome del più forte corridore di sempre. Facile considerarlo il numero uno di sempre in base al numero e alla qualità dei successi. Ma anche analizzando le sue qualità tecniche ci rendiamo conto di quanto e come Eddy sia il campione che più si avvicina alla perfezione. Merckx poteva (e lo ha effettivamente fatto) vincere tutte le corse del calendario. Volendo essere pignoli ha avuto avversari più forti in volata e in discesa. Ma per resistenza, capacità di dominare in salita e a cronometro è stato nettamente il più forte tra i tanti campioni della sua era. Sulla bilancia metteteci anche le voci grinta, determinazione e carisma e capirete perché Merckx, nella storia del Giro d’Italia e nella storia del ciclismo, è per sempre il Cannibale.

Non possiamo valutare Merckx senza evocare il suo amore smodato per il ciclismo, la sua devozione e il suo rispetto per le tradizioni. Campione emblematico delle prime “dirette” televisive in cui la sua fotogenia era semplicemente meravigliosa. Merckx era presente ovunque risuonasse l’organo del calendario mondiale. Era lo spietato predatore delle classiche e l'illuminato despota nei grandi Giri. Il Tour de France un'opera? Lui ne era l’ispirato tenore. Il Giro una liturgia? Ne fu il coraggioso profeta il cui ricordo tormenta ancora il teatro innevato delle Tre Cime di Lavaredo. Nel suo palmares: 525 corse, 32 classiche, 96 maglie gialle, 76 rosa. Un record dell’ora che Bernard Hinault non ha mai osato tentare.
Merckx era multiplo, orchestrale, per riassumere, irraggiungibile.

Philippe Brunel.
Leader della redazione ciclismo dell’Equipe dove ha iniziato a lavorare nel 1977 sotto la direzione di Jacques Goddet che nel 1987 lo scelse per raccogliere le sue ultime cronache sul Tour de France. Nel 1980 da inviato speciale scopre il Giro d’Italia e nel 1982 il Tour. In totale ha seguito più di settanta grandi Giri raccontando, scrivendo e vivendo in stretta compagnia dei i campioni.
Giornalista e scrittore, è l’autore tra gli altri di "Vie et mort de Marco Pantani", di “Rouler plus vite quel la mort” e di ulteriori romanzi notati ed apprezzati dalla critica tra cui "La Nuit de San Remo" tradotto in Italiano. Dal libro dedicato a Marco Pantani è stata realizzata un versione a fumetti che ha ispirato uno spettacolo teatrale

Merckx è la norma
In olandese abbiamo una parola per un'esibizione straordinaria ed eccezionale: "Merckxiaans" o "Merckxian". "Il Cannibale" ha vinto le sue gare in tutti i modi possibili. Eddy Merckx è il faro di questo sport. Dai un'occhiata a Youtube e guarda come ha vinto sette volte la Milano-Sanremo. Ti darà un'immagine delle sue capacità e capacità quasi illimitate. Nessuno è sceso più veloce sul Poggio di Eddy Merckx. Semplice era la misura di tutte le cose. La norma. Lo standard. Il mondo iniziò a conoscerlo al Giro del 1968 nella tappa delle Tre Cime di Lavaredo andando a vincere il primo dei suoi undici Grand Tour. Vittorie merckxiane a bizzeffe. Ad esempio: ha attaccato sul Tourmalet per un assolo di 140km fino a Mourenx al Tour de France. Al Fiandre attacco da lontano per 70km. Ha battuto il record dell’ora nel 1972 con un minimo assoluto di preparazione. Se avesse dovuto, Merckx avrebbe vinto gli sprint di gruppo, ma non era un velocista naturale alla Franco Bitossi. Oltre ad essere un corridore da classiche(ne ha vinte 32 (!)) il quattro volte campione del mondo (una volta con i dilettanti, tre volte con i pro) è stato anche uno dei ciclisti più veloci del mondo. "Merckxian", non c'è altra parola per le sue esibizioni.

Hugo Coorevits, nato il 30 novembre 1959 a Zwevegem. Vive vicino ai "pavés" e alle "colline" delle Ardenne fiamminghe, che è il centro della "Ronde van Vlaanderen".
Ha iniziato a scrivere nel 1983 per il giornale "Het Volk". La Quattro Giorni di Dunkirk nel 1989 è stata la mia prima corsa coperta come giornalista professionista. Dal 1999 lavora per il giornale Het Nieuwsblad (gruppo Mediahuis) e si occupa di ciclismo in tutto il mondo.

Naturalmente paragonare corridori di epoche diverse è un esercizio piuttosto illusorio. Essere forte in volata raramente è significativo ai fini della Classifica Generale in una corsa di tre settimane ed è invece molto rilevante nella corse di un giorno. Nonostante questa premessa, Merckx rimane il ciclista più completo che abbia mai corso (incluso Coppi) e c'è un abisso tra lui e il secondo classificato Hinault e gli altri membri della Hall of Fame.

Herbie Sykes è uno scrittore e storico del ciclismo. Inglese di nascita, vive a Torino ed è autore di quattro libri sul Giro d'Italia. In passato ha curato la guida ufficiale Giro d’Italia in lingua inglese.

Valutazione media per salita:

9.4

Clicca su ogni caratteristica per scoprire i voti dei giudici

Pier
Bergonzi
10
Philippe
Brunel
9
Pier
Augusto Stagi
9
Hugo
Coorevits
9
Herbie
Sykes
10

Valutazione media per crono:

9.4

Clicca su ogni caratteristica per scoprire i voti dei giudici

Pier
Bergonzi
10
Philippe
Brunel
9
Pier
Augusto Stagi
9
Hugo
Coorevits
9
Herbie
Sykes
10

Valutazione media per volata:

8.2

Clicca su ogni caratteristica per scoprire i voti dei giudici

Pier
Bergonzi
8
Philippe
Brunel
8
Pier
Augusto Stagi
8
Hugo
Coorevits
8
Herbie
Sykes
9

Valutazione media per fondo:

10

Clicca su ogni caratteristica per scoprire i voti dei giudici

Pier
Bergonzi
10
Philippe
Brunel
10
Pier
Augusto Stagi
10
Hugo
Coorevits
10
Herbie
Sykes
10

Valutazione media per discesa:

9.2

Clicca su ogni caratteristica per scoprire i voti dei giudici

Pier
Bergonzi
9
Philippe
Brunel
10
Pier
Augusto Stagi
8
Hugo
Coorevits
10
Herbie
Sykes
9

Seleziona ogni caratteristica per scoprire i voti dei giudici

Valutazione media per voto complessivo : 46.2
Pier
Bergonzi
47

Eddy Merckx, nome e cognome del più forte corridore di sempre. Facile considerarlo il numero uno di sempre in base al numero e alla qualità dei successi. Ma anche analizzando le sue qualità tecniche ci rendiamo conto di quanto e come Eddy sia il campione che più si avvicina alla perfezione. Merckx poteva (e lo ha effettivamente fatto) vincere tutte le corse del calendario. Volendo essere pignoli ha avuto avversari più forti in volata e in discesa. Ma per resistenza, capacità di dominare in salita e a cronometro è stato nettamente il più forte tra i tanti campioni della sua era. Sulla bilancia metteteci anche le voci grinta, determinazione e carisma e capirete perché Merckx, nella storia del Giro d’Italia e nella storia del ciclismo, è per sempre il Cannibale.

Philippe
Brunel
46

Non possiamo valutare Merckx senza evocare il suo amore smodato per il ciclismo, la sua devozione e il suo rispetto per le tradizioni. Campione emblematico delle prime “dirette” televisive in cui la sua fotogenia era semplicemente meravigliosa. Merckx era presente ovunque risuonasse l’organo del calendario mondiale. Era lo spietato predatore delle classiche e l'illuminato despota nei grandi Giri. Il Tour de France un'opera? Lui ne era l’ispirato tenore. Il Giro una liturgia? Ne fu il coraggioso profeta il cui ricordo tormenta ancora il teatro innevato delle Tre Cime di Lavaredo. Nel suo palmares: 525 corse, 32 classiche, 96 maglie gialle, 76 rosa. Un record dell’ora che Bernard Hinault non ha mai osato tentare.Merckx era multiplo, orchestrale, per riassumere, irraggiungibile.Philippe Brunel.Leader della redazione ciclismo dell’Equipe dove ha iniziato a lavorare nel 1977 sotto la direzione di Jacques Goddet che nel 1987 lo scelse per raccogliere le sue ultime cronache sul Tour de France. Nel 1980 da inviato speciale scopre il Giro d’Italia e nel 1982 il Tour. In totale ha seguito più di settanta grandi Giri raccontando, scrivendo e vivendo in stretta compagnia dei i campioni.Giornalista e scrittore, è l’autore tra gli altri di "Vie et mort de Marco Pantani", di “Rouler plus vite quel la mort” e di ulteriori romanzi notati ed apprezzati dalla critica tra cui "La Nuit de San Remo" tradotto in Italiano. Dal libro dedicato a Marco Pantani è stata realizzata un versione a fumetti che ha ispirato uno spettacolo teatrale

Pier
Augusto Stagi
44
Hugo
Coorevits
46

Merckx è la normaIn olandese abbiamo una parola per un'esibizione straordinaria ed eccezionale: "Merckxiaans" o "Merckxian". "Il Cannibale" ha vinto le sue gare in tutti i modi possibili. Eddy Merckx è il faro di questo sport. Dai un'occhiata a Youtube e guarda come ha vinto sette volte la Milano-Sanremo. Ti darà un'immagine delle sue capacità e capacità quasi illimitate. Nessuno è sceso più veloce sul Poggio di Eddy Merckx. Semplice era la misura di tutte le cose. La norma. Lo standard. Il mondo iniziò a conoscerlo al Giro del 1968 nella tappa delle Tre Cime di Lavaredo andando a vincere il primo dei suoi undici Grand Tour. Vittorie merckxiane a bizzeffe. Ad esempio: ha attaccato sul Tourmalet per un assolo di 140km fino a Mourenx al Tour de France. Al Fiandre attacco da lontano per 70km. Ha battuto il record dell’ora nel 1972 con un minimo assoluto di preparazione. Se avesse dovuto, Merckx avrebbe vinto gli sprint di gruppo, ma non era un velocista naturale alla Franco Bitossi. Oltre ad essere un corridore da classiche(ne ha vinte 32 (!)) il quattro volte campione del mondo (una volta con i dilettanti, tre volte con i pro) è stato anche uno dei ciclisti più veloci del mondo. "Merckxian", non c'è altra parola per le sue esibizioni.Hugo Coorevits, nato il 30 novembre 1959 a Zwevegem. Vive vicino ai "pavés" e alle "colline" delle Ardenne fiamminghe, che è il centro della "Ronde van Vlaanderen".Ha iniziato a scrivere nel 1983 per il giornale "Het Volk". La Quattro Giorni di Dunkirk nel 1989 è stata la mia prima corsa coperta come giornalista professionista. Dal 1999 lavora per il giornale Het Nieuwsblad (gruppo Mediahuis) e si occupa di ciclismo in tutto il mondo.

Herbie
Sykes
48

Naturalmente paragonare corridori di epoche diverse è un esercizio piuttosto illusorio. Essere forte in volata raramente è significativo ai fini della Classifica Generale in una corsa di tre settimane ed è invece molto rilevante nella corse di un giorno. Nonostante questa premessa, Merckx rimane il ciclista più completo che abbia mai corso (incluso Coppi) e c'è un abisso tra lui e il secondo classificato Hinault e gli altri membri della Hall of Fame.Herbie Sykes è uno scrittore e storico del ciclismo. Inglese di nascita, vive a Torino ed è autore di quattro libri sul Giro d'Italia. In passato ha curato la guida ufficiale Giro d’Italia in lingua inglese.

Valutazione media per salita : 9.4
Pier
Bergonzi
10
Philippe
Brunel
9
Pier
Augusto Stagi
9
Hugo
Coorevits
9
Herbie
Sykes
10
Valutazione media per crono : 9.4
Pier
Bergonzi
10
Philippe
Brunel
9
Pier
Augusto Stagi
9
Hugo
Coorevits
9
Herbie
Sykes
10
Valutazione media per volata : 8.2
Pier
Bergonzi
8
Philippe
Brunel
8
Pier
Augusto Stagi
8
Hugo
Coorevits
8
Herbie
Sykes
9
Valutazione media per fondo : 10
Pier
Bergonzi
10
Philippe
Brunel
10
Pier
Augusto Stagi
10
Hugo
Coorevits
10
Herbie
Sykes
10
Valutazione media per discesa : 9.2
Pier
Bergonzi
9
Philippe
Brunel
10
Pier
Augusto Stagi
8
Hugo
Coorevits
10
Herbie
Sykes
9

Carriera

top sponsor

official partners

official suppliers

official licensees