Vedi tutti
Loading...
Segui il live
Vedi tutti

Oggi a Segesta la cerimonia di apertura del Giro d’Italia 2020

01/10/2020

Vuoi vivere la Presentazione delle Squadre del Giro d’Italia 2020 di oggi 01/10/2020 al Parco Archeologico di Segesta da protagonista?

Registrati e prenota il tuo posto a Segesta! Ultimi posti disponibili. Clicca qui.

Dove vedere la cerimonia di apertura:

  • 17.30 – 18.45
  • RAI Sport +hd

SEGESTA TREGUA OLIMPICA

Nel tardo pomeriggio di oggi al Tempio di Segesta verranno presentate le squadre che parteciperanno al Giro d’Italia.

Gli atleti saliranno sul palco una alla volta, verranno letti i loro nomi che risuoneranno tra colonne greche, timpani e capitelli.

Con un po’ di fantasia si potrebbe chiudere gli occhi, e immaginare i nomi elencati da Omero nell’Iliade, nomi di eroi greci e troiani.

Con un po’ di fantasia ma nemmeno troppa, perché Tucidice narra che Segesta sia stata fondati dai profughi della Guerra di Troia, in particolare da Aceste, figlio della nobile troiana Egesta, da cui la città avrebbe preso il nome.

I troiani erano scappati dalla guerra ma in Sicilia non trovarono la pace.

La storia di Segesta è storia di altre battaglie, prima con un’altra città greca, Selinunte, poi le guerre puniche fino alla resa e alla distruzione da parte dei Vandali, nel V secolo.

Chissà se con tutto questo tempo speso a coltivare la guerra trovassero tempo anche per dedicarsi ad altro.

Le Olimpiadi, per esempio, e la loro tregua.

Nulla lo fa pensare, d’altronde Atene era lontana e i nemici molto vicini, eppure il luogo sarebbe stato così bello, così perfetto, come ha scritto Maupassant durante il suo viaggio in Italia:

 “Il tempio di Segesta sembra essere stato posto ai piedi della montagna da un uomo di genio che aveva avuto la rivelazione dell’unico punto in cui lo si doveva costruire: animando da solo l’immensità del paesaggio, che ne esce vivificato e divinamente bello”.

Ancora oggi il Tempio appare a quelli che vi giungono così come appariva ai viaggiatori del Grand Tour. Tutta l’area è rimasta pressoché uguale: vaste colline destinate alla semina o al pascolo, modesti rilievi animati da pochi alberi.

Forse a Segesta non si sono mai svolte le Olimpiadi.

Per questo stasera sarà ancora più bello ascoltare i nomi dei corridori che sabato inizieranno il Giro riecheggiare dentro il Tempio: Ilnur Zakarin, Jacob Fuglsang, Miguel Angel Lopez, Rafal Majka, Vincenzo Nibali, Geraint Thomas, Steven Kruijswijk, Simon Yates, Giulio Ciccone, Aleksandr Valsov.

Non più come un elenco di guerrieri omerici; ma come i protagonisti di una bellissima e, speriamo, interminabile, tregua olimpica.

top sponsor