Vedi tutti
Loading...
Vedi tutti

Giro d’Italia 2021, Tappa 10: L’Aquila – Foligno. Un carosello sconclusionato

16/05/2021

Giro d'Italia 2021, Tappa 10: L'Aquila – Foligno. Un carosello sconclusionato

Tappa 10: L'Aquila – Foligno, Un carosello sconclusionato

Chissà se a uno tra Federico Fellini, Tullio Pinelli o, più probabilmente, Ennio Flaiano, che in Abruzzo ci era nato e cresciuto, sia capitato di essere tra i fortunati spettatori che nella tarda primavera del 1954 hanno visto compiersi la storia del ciclismo sul traguardo di L’Aquila. Non tanto, o meglio, non solo perché i tre avrebbero assistito alla vittoria più importante della carriera di Carlo Clerici, italiano di nascita, ma svizzero di adozione per il confino fascista subito dal padre, che sembra la biografia di un personaggio di una trama scritta da loro. Ma perché sarebbero stati spettatori di uno di quei rari momenti nella storia di uno sport in cui un singolo evento, in questo caso una fuga a tre vittoriosa lungo i 224 chilometri da Napoli a L’Aquila, determina il racconto che si farà di quello sport nei decenni successivi. 


Perché quel giorno venne usata per la prima volta un’espressione che avrebbe descritto per sempre i momenti in cui nel ciclismo una fuga nata senza particolari clamori o speranze, un po’ per caso, un po’ per noia, accumula tale vantaggio all’arrivo sui favoriti della corsa da ribaltare le sorti della classifica, stravolgendone i pronostici e chiamando alla ribalta protagonisti insospettabili (perché Clerici, alla fine, quel Giro lo vinse anche). Insomma, una fuga sorprendente, che frega come un pacco ben studiato: una fuga bidone. Magari sarà stato solo un caso che meno di dodici mesi dopo dalla vittoria di Clerici, Fellini, Pinelli e Flaiano abbiano firmato la sceneggiatura di un film chiamato Il bidone, come del resto fu solo un caso che gli spettatori di quel Giro del 1954, stizziti dalla passività dei favoriti dopo quella tappa di L’Aquila, sulle Dolomiti esposero lo striscione “Forza vitelloni!”, un film ovviamente scritto dai soliti tre.

Quando L’Aquila figura nel percorso del Giro le tappe sembrano sempre poter essere possedute da questo spirito da baccanale che si diverte a capovolgere ogni certezza

Ma quella fuga bidone non fu solo responsabilità dei vari Coppi e Koblet che non si impegnarono poi troppo per assorbirla, perché sovente quando L’Aquila figura nel percorso del Giro le tappe sembrano sempre poter essere possedute da questo spirito da baccanale che si diverte a capovolgere ogni certezza. Come nel 2010, quando un gruppo di oltre cinquanta corridori decide di stravolgere il Giro, portando al traguardo una fuga temporalesca. Oltre 15 minuti giungerà all’arrivo il gruppo dei favoriti con Vinokurov e Basso che impiegherà otto tappe, praticamente il resto della corsa, per sfilare la maglia rosa dalle spalle di David Arroyo.

 

Insomma, quando il Giro incrocia L’Aquila e si fa travolgere dalla locura di una fuga bidone, diventa un carnevale in cui il caso la fa da padrone e i ruoli si scombussolano. La corsa diventa incontrollabile come l’acqua che da un flusso unico si disperde nelle 99 cannelle della Fontana, una per ogni piazza, rione e chiesa della città: chi di solito fugge insegue, chi di norma arranca s’invola e la corsa assume i colori di un carosello sconclusionato, assurdo, dolce e aurorale che potrebbe chiudere un film scritto da Fellini, Pinelli e Flaiano.

Seguici
sui social
# giro

Vuoi restare sempre aggiornato sul mondo del Giro d’Italia e delle altre corse di RCS Sport?

Iscriviti
alla newsletter del giro d'italia

top sponsor