See all
Loading...
See all

Giro d’Italia 2021, Tappa 7: Notaresco – Termoli. Vittorie di cuore

13/05/2021

Franco Bitossi può contare su 171 vittorie in carriera, al Tour, al Giro, al Lombardia, un po' ovunque, eppure è ancora ricordato per una volata persa

 Una vita costellata di successi che è cominciata proprio da Termoli, nell’ottobre del 1961: «era una semitappa della Tre Giorni del Sud, la mia prima vittoria la ricordo come fosse oggi». A Termoli Bitossi vinse uno sprint regale, dominando i rivali all’ombra del Castello Svevo proprio come un sovrano medievale. E come Federico II di Svevia, che fu incoronato imperatore a 18 anni, Bitossi vinse subito, alla terza gara tra i professionisti, ma il suo non fu un immediato decollo: prima c’era un compagno tanto intimo quanto inaffidabile con cui fare i conti.

Il cuore matto lo accompagnava da sempre: dagli anni in cui ogni mattina attraversava l’Arno in barca per andare in fabbrica sino alle prime vittorie tra i dilettanti, dove le squadre chiudevano un occhio davanti all’anomalia. Bitossi soffriva di ipertrofia cardiaca e poteva capitare che in corsa il vitale muscolo si mettesse a battere come un tamburo: l’unica soluzione era fermarsi ed aspettare. Furono necessarie un paio di stagioni per capire che durante le corse a tappe il problema spariva in pochi giorni. Per questo dovette attendere sino al ’64, due anni e mezzo dopo il primo trionfo a Termoli, per esultare al Giro d’Italia e da lì non fermarsi più. Furono subito quattro tappe, tra cui la riedizione della Cuneo-Pinerolo, vinta alla Bitossi: alternando crisi profonde e rimonte sorprendenti. Bitossi era così, un continuo su e giù, come un elettrocardiogramma.

Il suo cuore da corridore avrebbe potuto fermarsi dopo il mondiale del '72, dove Marino Basso lo superò a una decina di metri dal traguardo.

«Sarebbe stato il mio capolavoro, invece è rimasta una Gioconda incompleta. Oggi sono lo sconfitto più ricordato del ciclismo». Ma anche dopo un trauma simile, Franco ha fatto calmare il cuore ed è ripartito.


C’è una celebre foto che lo ritrae seduto su un paracarro, la mano sinistra a tenere la bici e la destra sul cuore, mentre conta i battiti, fa respiri profondi, attende che il vitale organo si plachi, per poi cercare di rientrare sul gruppo. La carriera di Bitossi era una continua corsa ad inseguimento. Come abbia fatto a battere Merckx, Anquetil o Gimondi è l’ennesimo mistero del cuore.

E dal cuore Franco Bitossi si è fatto guidare anche dopo il ritiro. Tornato sulle sue colline toscane si è dedicato per oltre 20 anni agli ulivi. «Mi hanno reso più felice del ciclismo. Sono due lavori di sacrificio, ma almeno sugli ulivi non devi allenarti». Ma è tornato anche a gareggiare, ha ripreso le bocce come passatempo ed è arrivato a un nuovo titolo: campione italiano over 60. L’ennesimo di una carriera vincente e di una vita felice. Franco Bitossi ha festeggiato 80 anni lo scorso settembre e tra pochi mesi saranno trascorsi 60 anni dalla sua prima vittoria, in quel pomeriggio a Termoli. Più che un cuore matto, un cuorcontento.

Seguici
sui social
# giro

Do you want to keep up to date on the world of the Giro d’Italia and of the other races by RCS Sport?

Sign up
for the
Giro d’Italia newsletter

top sponsor