TREVISO SAN MARTINO DI CASTROZZA


31 maggio 2019
/
venerdì
/
151 km
/

SAN MARTINO DI CASTROZZA

Situato su un ampio pianoro a 1450 metri di quota, San Martino è una rinomata località turistica immersa nella natura elegante del Parco di Paneveggio Pale di San Martino.
L’abitato sorge ai piedi delle Pale di San Martino, il gruppo roccioso più esteso delle Dolomiti patrimonio UNESCO e vanta una lunga tradizione di ospitalità turistica iniziata nella seconda metà del 1800 con i primi alpinisti stranieri che giunsero in queste zone con il sogno di conquistarne le inesplorate cime. Meta ambita da tutti gli amanti della montagna, questo territorio è una palestra a cielo aperto per vivere una vacanza attiva a contatto con la natura, alternando esperienze in quota alla contemplazione degli scenari mozzafiato delle sue cime.

GASTRONOMIA

Il piatto tipico di Primiero è a base di polenta, luganega, funghi e tosèla (una cagliata fresca tagliata a fette e rosolata a fuoco basso nel burro). Altro piatto della tradizione sono i canederli, consumati sia in brodo che asciutti e cosparsi di burro fuso. Tra le carni e gli insaccati particolarmente pregiata è la carne fumada Dop di Siror. Dalla grande tradizione casearia del territorio, che si fregia di appartenere alla Strada dei formaggi delle Dolomiti, spiccano il formaggio nostrano Primiero fresco e il botiro di malga (il burro prodotto negli alpeggi). Infine per quanto riguarda i dolci da segnalare lo strudel, lo smorum e il brazedel di Siror.

BEVANDE

La valle di Primiero può vantare la presenza del birrificio artigianale BioNoc, realtà giovane e dinamica, capace di ottenere numerosi riconoscimenti a livello internazionale. I suoi prodotti si caratterizzano per l’utilizzo di spezie e aromi raccolti per gran parte sul territorio. Curiosità: le birre artigianali del birrificio hanno quasi tutte nomi dialettali che derivano dal folklore locale (ad esempio Guana, Rauca, Lipa…).

LUOGHI D'INTERESSE

San Martino di Castrozza – San Martino è rinomato soprattutto per le bellezze paesaggistiche che lo circondano. Dall’abitato è possibile raggiungere a piedi o in funivia alcuni degli ambienti più caratteristici di tutte le Dolomiti. Grazie agli impianti Colverde e Rosetta si arriva in meno di mezz’ora sull’Altopiano delle Pale, vastissimo pianoro roccioso circondato dalle splendide cime che compongono il gruppo. Sempre da San Martino poi, consigliatissima una visita alle vallate simbolo del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, dalla foresta dei Violini in Val Venegia alla Val Canali.

Primiero – merita una visita il centro storico di Fiera di Primiero, dall’architettura tipica dei borghi del Tirolo. La Chiesa arcipretale della Madonna dell’Assunta è una delle più belle chiese gotiche della regione tirolese e di tutto il Trentino. Vicino alla chiesa si trova il palazzo del Dazio delle Miniere, antica sede del magistrato deputato al controllo delle miniere e dell’ufficio delle imposte. Il palazzo è tipicamente di gusto austriaco, con feritoie, bifore e sporgenze. Di grande interesse anche il centro storico di Mezzano. Il paese è ormai da qualche anno entrato a far parte dei Borghi più belli d’Italia, grazie alle sue architetture rurali e alla mostra permanente “Cataste e Canzei”, dedicata agli accatastamenti artistici della legna da ardere.

STORIA

Abitanti: 540 – San Martino di Castrozza, 10.000 – Valle di Primiero e Vanoi

Origine: insediamento medievale, ma con sviluppo a partire dalla seconda metà dell’Ottocento

Nome Antico: il nome deriva dall’istituzione religiosa dei Santi Martino e Giuliano che aveva un Ospizio in loco per accogliere i viandanti che valicavano il Passo Rolle.

sponsor

ok

ko