torna alle news

1 giugno 2019

Pello Bilbao ha vinto la ventesima tappa del Giro d'Italia

Il corridore spagnolo Pello Bilbao (Astana Pro Team) ha vinto la ventesima tappa del centoduesimo Giro d’Italia, da Feltre a Croce d’Aune – Monte Avena di 194 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Mikel Landa (Movistar Team) e Giulio Ciccone (Trek – Segafredo).

Richard Carapaz (Movistar Team) rimane la Maglia Rosa di leader della classifica generale.

 

RISULTATO FINALE

1 – Pello Bilbao (Astana Pro Team) – 194 km in 5h46’02”, media 33,638 km/h

2 – Mikel Landa (Movistar Team) s.t.

3 – Giulio Ciccone (Trek – Segafredo) a 2″

MAGLIE

Maglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel – Richard Carapaz (Movistar Team)

Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo – Pascal Ackermann (Bora – Hansgrohe)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Giulio Ciccone (Trek – Segafredo)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin – Miguel Angel Lopez (Astana Pro Team)
CLASSIFICA GENERALE

1 – Richard Carapaz (Movistar Team)

2 – Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) a 1’54”

3 – Mikel Landa (Movistar Team) a 2’53”

4 – Primoz Roglic (Team Jumbo – Visma) a 3’16”

5 – Bauke Mollema (Trek – Segafredo) a 5’51”

 

Il vincitore di tappa Pello Bilbao, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Sapevo che Carapaz avrebbe cercato di dare la vittoria a Mikel Landa, quindi ho preso la ruota migliore. La mia prima vittoria è stata speciale. Questa seconda vittoria è anche migliore della prima perché è una grande tappa di montagna. Quando i contendenti per la Generale ci hanno preso ho pensato che sarebbe stato difficile ma anche loro erano stanchi“.

La Maglia Rosa Richard Carapaz ha dichiarato: “Abbiamo provato a vincere la tappa con Mikel Landa ed io ho lavorato per tenere la Maglia Rosa. Per ottenere tutto ci è mancato pochissimo. Siamo comunque contenti di come è andata oggi. Credo che 1’54” su Nibali sia sufficiente, anche se tutto può accadere in una crono finale“.

ok

ko