torna alle news

6 aprile 2016

ERCOLE BALDINI NELLA HALL OF FAME

Il “Treno di Forlì” ha vinto la Corsa Rosa nel 1958 e succede nell’albo d’oro a Merckx 2012, Gimondi 2013, Roche 2014 e Moser 2015. Sono stati i figli Riziero e Mino ad accompagnare a Milano, dalla sua Forlì, per un riconoscimento alla carriera, Ercole Baldini che oggi entra di diritto nella Hall of Fame del Giro d’Italia.

il Grande Campione e le sue imprese al Giro d’Italia e non solo, c’erano i fratelli Renato, Bruno e Renzo, i nipoti Edoardo e Alice, i compagni e gli amici (Adorni, Amadori, Armani, Babini, Battista, Casalini, Cavalcanti, Gorini, Gualazzini, Laghi, Magnani, Maioli, Neri e Vendemmiati) oltre ad una delegazione di conterranei, giunta appositamente in pullman da Forlì e capitanati dal Sindaco, Davide Drei.

Il “Treno di Forlì”, come era stato soprannominato Baldini, si è aggiudicato la Corsa Rosa nel 1958 e nello stesso anno, il 31 agosto, si è laureato Campione del Mondo su Strada a Reims. Il 2016 è anche un’altra ricorrenza particolare per Baldini, che il 7 dicembre 1956 a Melbourne vinse l’Oro Olimpico su strada, dopo essersi aggiudicato la medaglia d’oro al Campionato del Mondo su Pista nell’inseguimento individuale a Copenaghen e aver stabilito il Record dell’Ora al Velodromo Vigorelli di Milano.

“Ricevere un premio alla carriera, oltretutto molto ambito come l’Hall of Fame del Giro d’Italia e nella Sala Buzzati che ha sempre ospitato grandi personaggi, mi rende enormemente felice.” ha detto Baldini. “Mi auguro di potermi godere a lungo questo importante riconoscimento, per continuare ad applaudire le vittorie dei corridori italiani. Ringrazio di cuore La Gazzetta dello Sport e la Direzione del Giro per avere pensato a me dopo tanti anni dai trionfi al Giro d’Italia, all’Olimpiade e al Mondiale”.

 

 

 

GALLERY

vai alla galleria di immagini

ok

ko