torna alle news

25 aprile 2016

Adam Hansen al Giro per battere ogni record

Uno dei nove corridori della Lotto Soudal al Giro d’Italia  sarà Adam Hansen. L’anno scorso alla Vuelta l’australiano ha completato il suo tredicesimo Grand Tour consecutivo, un record.

In questa stagione vuole continuare sulla stessa strada facendo di nuovo tutti e tre i grandi giri.

Cosa ti spinge ad andare avanti così e perché il Giro d’Italia è così speciale per te?

 Adam Hansen: “Il Giro sarà il mio quattordicesimo Grand Tour consecutivo ed è bello sapere di essere arrivati fino a questo punto, ma anche se ho fatto tanti grandi giri, voglio viverlo al massimo come sempre . Anche quest’anno sono motivato ad andare tutti e tre i grandi giri.  Lo faccio perché mi piacciono queste corse. Un mix di diversi stili e mi piace essere sempre in strada tappa dopo tappa”.

“Per me il Giro è il più appassionante tra i  tre grandi giri. Adoro l’Italia e l’atmosfera della corsa. Durante gli spostamenti attraversiamo posti bellissimi, ma purtroppo è molto difficile ricordare esattamente dove.

In tutti questi anni ho attraversato tutto il paese e ho visto un sacco di posti meravigliosi che non sono le tipiche città turistiche, sono questi i luoghi che mi piacciono di più ”

“Ma non è tutto divertimento, naturalmente. Il Giro è sempre molto faticoso e le condizioni meteorologiche possono essere difficili. Sai sempre che sarà una gara complicata e difficile. Ho già avuto alcuni anni buoni in passato, lavorando per le vittorie di André Greipel e per Mark Cavendish. E poi c’è, naturalmente, la mia vittoria di tappa nel 2013 a Pescara. È stata difficilissima, il tempo era brutto e c’erano tante salite ma è stato bellissimo attraversare il traguardo da solo  sotto la pioggia. La prima vittoria di tappa a un Grand Tour non si dimentica mai “.

“I tifosi vogliono vedermi in azione in questa edizione del Giro, partire nelle fughe e voglio  puntare a un buon risultato, Dipende anche da quello che mi dirà di fare la squadra . Una cosa è certa: l’11 maggio è il mio compleanno, giorno della 5° tappa. Non mi piacciono tanto i compleanni ma mi piace vedere l’affetto della gente. Festeggerò sicuramente anche con la squadra”

ok

ko