VAL DI BISENZIO - LOCALITA' USELLA

La Valdibisenzio è una lingua di terra che si snoda dall’Appennino Tosco-Emiliano verso la piana pratese e Firenze racchiusa dai tre comuni che la contengono, Cantagallo, Vaiano e Vernio. Una terra di passaggio, di confine, fin’ dall’antichità, come hanno confermato anche le recenti scoperte archelogiche che finalmente hanno dato senso ai molti toponomi e reperti etruschi che i contadini della valle hanno trovato nei campi per secoli. Un territorio dove si sono posati molti sguardi e alternato piedi, da quelli etruschi che da Gonfienti partivano per Marzabotto; a quelli di mercanti e pellegrini medievali che passavano tra torri e rocche, per essere accolti nelle pievi e nelle badie che ancora oggi la costellano. scopri di più

PRATO

Con i suoi 192.492 abitanti (2017) diffusi su di una superficie di 97,45 kmq il comune di Prato non è soltanto il capoluogo del territorio provinciale ma anche la terza città del centro Italia. Situata al centro dell’area settentrionale della Toscana, a pochi chilometri da Firenze, è vicina anche alle maggiori città d’arte della regione (Lucca, Pisa, Pistoia, Siena, Arezzo). Prato unisce al fascino antico del centro storico, l’alternativa del moderno quartiere degli affari e dell’arte contemporanea, in un itinerario che dal Medioevo giunge fino all’Avanguardia. scopri di più

LAMPORECCHIO

Lamporecchio è un territorio che non smette mai di sorprendere con le sue chiese, scrigni di capolavori d’arte, le ville storiche, dimore di importanti personaggi della storia locale e non solo, i numerosi sentieri che corrono lungo le colline del Montalbano che ispirarono il genio di Leonardo e molto altro ancora. Il suo nome è legato perlopiù al brigidino, il suo dolce tipico famoso in tutta Italia, e alla figura di Masetto, il protagonista di una celebre novella di Giovanni Boccaccio. Lamporecchio è terra di ciclismo, ovunque se ne respira l’aria. Le storiche imprese di tre famosi sportivi come Andrea Tafi, Giovanni Visconti e, recentemente, Vincenzo Nibali, cresciuto nel paese di Mastromarco, meglio noto come “l’Università del Ciclismo”, sono legate alla passione che da anni unisce il ciclismo a Lamporecchio e a tutto il suo territorio. scopri di più

MONTAIONE

Montaione è la capitale del turismo verde in Toscana, forte del suo meraviglioso paesaggio collinare, agreste e boschivo. Nel suo territorio si trova l’area naturale protetta “Alta Valle del Torrente Carfalo” ricca di specificità floro-faunistuiche, e una rete escursionistica di oltre 80 km. Ma soprattutto vi si trova la “Gerusalemme” di San Vivaldo, un complesso di cappelle e tempietti dei primi del ‘500, che riproduce in scala la topografia dei luoghi di Terra Santa, e reca affreschi e gruppi scultorei di scuola robbiana. scopri di più

MANCIANO

Manciano sorge su una collina fra mare e montagna, a guardia della Maremma. Ed è questa posizione a donare al paese il suo privilegio, fin dalla notte dei tempi. Questa consente una vista privilegiata sulla Maremma con un panorama che spazia dall’Amiata al mare dell’Argentario. Nel punto più alto del paese si erge la rocca, attorno alla quale il centro storico, sviluppatosi come un labirinto assume una forma a ventaglio. scopri di più

PRIVERNO

“Priverno, un nome, più città, diversi i luoghi, una storia. Priverno è città d’arte, un riconoscimento che rende merito al suo patrimonio artistico culturale ed enogastronomico. Un borgo medievale che brilla di luce propria grazie alla presenza di beni storici e monumentali degni di nota quali L’abbazia cistercense di Fossanova, l’area archeologica Privernum, il museo archeologico, il museo medievale, il parco di San Martino, il Parco botanico dei continenti ed altri tesori tutti da scoprire” scopri di più

ISERNIA

Isernia, 22.000 abitati, è città antichissima, con un insediamento paleolitico risalente a oltre 600.000 anni fa. Strategica e importante località del Sannio, venne scelta quale Capitale della Lega Italica (I sec. a.C.) e successivamente fu Municipium romano. Nel medioevo vi nacquero Papa Celestino V e il Magno Giureconsulto Andrea d’Isernia. Per i bombardamenti subiti nel 1943, durante la seconda guerra mondiale, Isernia è stata insignita della Medaglia d’Oro al Valor Civile. È diventata capoluogo di Provincia nel 1970. scopri di più

ORTONA

Ortona è un centro marinaro di antichissima origine. Il suo territorio si sviluppa su una collina a 71 metri sul livello del mare. La città di 24 mila abitanti si sviluppa in una cornice delimitata dal mare Adriatico e dai monti della Majella, è insignita di Medaglia d’Oro al valor civile, la sua economia si sviluppa intorno alle attività del porto, dell’agricoltura con una fiorente produzione vitivinicola e del turismo. Nella sua cattedrale sono custodite le reliquie dell’Apostolo Tommaso, portate a Ortona nel 1258 e da allora patrono della città. scopri di più

BUSCA

Busca è una città di diecimila abitanti, collocata in una felice posizione geografica, alle porte di Cuneo, sotto il Monviso ed ai piedi della collina morenica che la circonda ad anfiteatro e che, riparandola dai venti freddi, le conferisce un clima mite, apprezzato fin dall'antichità percorso da sentieri sdatti alle escursioni a piedi in bici e a cavallo. E’ costituita da un centro storico, configurato nello spazio delle antiche mura medievali, e da numerose frazioni, poste nella generosa pianura circostante. scopri di più

REVELLO

Revello, piccola cittadina sorta nel tardo Medioevo subalpino, ricompresa nell’antico Marchesato di Saluzzo, un tempo snodo mercantile importante, in quando collocato allo sbocco della Valle del Po, è oggi un comune di 4.200 abitanti, dedito soprattutto all’agricoltura e alla zootecnia. Presenta rilevanti luoghi di interesse storici: la millenaria abbazia cistercense di Staffarda, la Chiesa Collegiata (del 1483), il palazzo comunale con la Cappella Marchionale, completamente affrescata, il forte del Bramafam. scopri di più

VIU

Filo conduttore è la natura incontaminata, la bellezza delle montagne: faggi imponenti, acque trasparenti di trote, sentieri che si inerpicano sulle vette, laghetti alpini, ponti in pietra, fontane, malghe edificate da montanari tenaci, che hanno strappato bocconi di terra a ripidi pendii, affidando la loro esistenza a una religiosità, testimoniata da piloni e cappelle. Ma anche il gusto di sapori antichi che raccontano il valore dell’uomo nel rispetto della sua terra. scopri di più

MALONNO

Malonno, dalle origini preistoriche ed antico borgo di residenza di famiglie nobili bresciane, con i suoi 3200 abitanti distribuiti tra il centro e le numerose frazioni è oggi il paese della corsa in montagna. Un centro ricco di storia e di tradizioni, come l’estrazione mineraria, la lavorazione del ferro, l’agricoltura, l’allevamento e la raccolta delle castagne con cui ancora oggi si prepara il celebre piatto delle mìgole. scopri di più

QUINTO DI TREVISO

E’ sul Sile che nasce e si sviluppa il territorio di Quinto di Treviso: fortuna e bellezza sono derivate da questa ricchezza naturale, un fiume che attraversa tutto il borgo e con il suo dolce scorrere lento offre l’opportunità di scoprire scorci naturalistici e percorsi “green” incantevoli. Di particolare pregio la presenza di alcuni edifici storici di rilevante valore culturale quali: Villa Memo Giordani, la chiesa di Santa Cristina con la Pala di Lorenzo Lotto e la Pieve di San Cassiano. scopri di più

sponsor

ok

ko